Eritrea, rapporto Onu: vaste e pesanti violazioni dei diritti umani

Il governo eritreo è responsabile di violazioni sistematiche e diffuse dei diritti umani che hanno creato un clima di paura in cui il dissenso è soffocato, una gran parte della popolazione è sottoposta a lavori forzati e prigionia e centinaia di migliaia di eritrei fuggono dal paese. Alcune di queste violazioni, infine, possono costituire crimini contro l’umanità. Sono queste le conclusioni del lungo rapporto (484 pag.) della commissione d’inchiesta Onu sui diritti umani in Eritrea guidata da Sheila B. Keetharuth, che parla di omicidi extragiudiziali, tortura, schiavitù sessuale e lavori forzati. La tortura verso i dissidenti, si legge nel rapporto, viene applicata come una vera e propria “politica dissuasiva di Governo”.

La sintesi del rapporto

Il rapporto completo

#africa #eritrea #onu