Presentata la mozione sulle adozioni internazionali di cui sono prima firmataria

In questi giorni di grande confusione alla Camera dei deputati, vi segnalo che ho depositato come prima firmataria insieme ad altri colleghi una mozione riguardante il tema delle adozioni internazionali. Tengo molto a questa mozione poiché, a seguito di quanto successo in Repubblica Democratica del Congo a dicembre, vorrei che si evitassero in futuro nuove situazioni di questo tipo.

Questo istituto negli ultimi anni sta risentendo di una grave crisi dovuta principalmente alla crisi economica che sta colpendo il nostro Paese e quindi le potenziali famiglie adottive ma anche le procedure amministrative, spesso piuttosto farraginose, e i tempi eccessivi, e dagli esiti incerti, che caratterizzano i procedimenti di adozione.

La mozione impegna il governo ad adottare ogni iniziativa utile volta a reperire tutte le risorse necessarie per erogare i rimborsi relativi alle procedure di adozione concluse nel 2011, nonché a procedere quanto prima all’adozione del DPCM necessario per l’erogazione dei rimborsi relativi all’anno 2012, inoltre si chiede di valutare l’opportunità di istituire un apposito fondo, ai fini del sostegno di quelle coppie che sopportano un aggravamento ulteriore dei costi a causa dell’inatteso allungarsi delle procedure quale conseguenza del blocco o della limitazione da parte del paese di origine dei bambini delle procedure in corso.

Infine è molto importante adottare ogni iniziativa utile volta a rafforzare, nelle opportune sedi internazionali, le relazioni bilaterali e gli accordi negoziali in materia di adozioni internazionali, al fine di ridurre il più possibile il verificarsi di eventi di inattesa chiusura delle procedure internazionali di adozione, che provocano costi umani elevatissimi tanto nelle coppie che hanno intrapreso questo percorso, quanto soprattutto nei bambini.

#adozioniinternazionali #mozione #RepubblicaDemocraticadelCongo